Test intolleranze

“Intolleranza alimentare” è il nome che genericamente viene dato alle cosiddette “reazioni avverse agli alimenti”.

Ad eccezione delle intolleranze propriamente dette, cioè quella al lattosio e quella al glutine, le altre “intolleranze” rappresentano un fenomeno legato all’eccessivo consumo di un alimento al quale il nostro organismo è sensibile.

Contrariamente alle allergie alimentari, i cui sintomi si manifestano subito dopo il contatto con quantità anche minime dell’alimento al quale siamo allergici, nel caso delle intolleranze alimentari i sintomi compaiono solo a seguito di un consumo eccessivo (o comunque frequente) di un dato alimento e comunque possono comparire anche da 2 a 72 ore dopo la sua assunzione.

È comunque necessario sottolineare che queste forme di intolleranza, pur potendo essere causa di fastidi rilevanti (mal di testa, problemi intestinali, dermatiti, ecc), rappresentano un problema risolvibile mediante un intervento mirato sull’alimentazione, volto essenzialmente a capire quale alimento possa essere la causa del malessere. Tutto ciò a patto che si riesca ad intervenire per tempo e con metodi di indagine seri.

Per evidenziare le intolleranze alimentari sul mercato esistono, ad oggi, moltissimi test a disposizione. Tuttavia, la maggior parte dei test in commercio, non sono minimamente affidabili in quanto mancano di due caratteristiche indispensabili: essere sempre ripetibili e non dipendere dall'operatore che lo esegue.

Per questo motivo, gli unici test che garantiscono affidabilità sono quelli basati su un metodo di laboratorio che si chiama E.L.I.S.A. Tutti gli altri test (Citotossico, Alcat, Vega, Dria, ecc) non soddisfano queste caratteristiche e sono dunque ritenuti dalla bibliografia ufficiale come metodi non attendibili.

Il test Nutrismart ricerca le immunoglobuline IgG4 in un campione di sangue di circa due gocce. queste immunoglobuline sono un importante indice di sensibilità dell'organismo nei confronti degli alimenti: sono infatti prodotte specificatamente nei confronti degli alimenti che possono creare fastidio all'organismo se consumati in eccesso e la loro concentrazione aumenta gradualmente quanto più ci si avvicina alla soglia di tolleranza. Al contrario, se un alimento non può dare problemi derivanti dalla sua presenza costante nell'organismo, non produce IgG4 nei suoi confronti.

Risultare positivi al test per uno o più alimenti non comporta assolutamente la loro eliminazione dalla dieta (come avviene invece nel caso di allergie o dell'intolleranza al glutine o al lattosio): al contrario, ciò sarebbe dannoso, perché al momento della loro reintroduzione si manifesterebbero nuovamente fastidiosi sintomi dovuti al fatto che l'organismo non è più abituato a digerirli. L'unica cosa da fare sarà un periodo di depurazione da tali alimenti per circa 1-2 mesi ed in seguito reintrodurli gradualmente in rotazione. E' bene sottolineare che nessuna modifica dell'alimentazione deve essere decisa in maniera arbitraria senza l'intervento di personale competente, il quale deve poter valutare sia la durata del periodo di depurazione sia le modalità di rotazione e reintroduzione.


Il test è eseguibile tutti i giorni, non è necessario presentarsi a digiuno. I risultati possono essere ritirati 30-40 minuti dopo il prelievo.


Offerta: 100 euro anzichè 120 euro



Indirizzi

Sede

30121 - Venezia (VE) Veneto
Via Canna Regio, 4437
Distanza dal centro: 0,71 Km
Telefono: 0415229263
Partita IVA: 02171750272
Responsabile trattamento dati: Perissinotto Laura
Email: farmaciaperissinotto@libero.it


Info contatto
Referente
Perissinotto Laura
Telefono
0415229263
Mail
farmaciaperissinotto@libero.it

Calcola il percorso

Calcola